Download Zevi - Il Nuovissimo Manuale Dell Architetto PDF

TitleZevi - Il Nuovissimo Manuale Dell Architetto
File Size88.3 MB
Total Pages1343
Table of Contents
                            A-NozioniGeneraliDiProgettazione
	1.pdf
	2.pdf
	3.pdf
	4.pdf
	5.pdf
	6.pdf
	7.pdf
	8.pdf
	9.pdf
	10.pdf
	11.pdf
	12.pdf
	13.pdf
	14.pdf
	15.pdf
	16.pdf
	17.pdf
	18.pdf
	19.pdf
	20.pdf
	21.pdf
	22.pdf
	23.pdf
	24.pdf
	25.pdf
	26.pdf
	27.pdf
	28.pdf
	29.pdf
	30.pdf
	31.pdf
	32.pdf
	33.pdf
	34.pdf
	35.pdf
	36.pdf
	37.pdf
	38.pdf
	39.pdf
	40.pdf
	41.pdf
	42.pdf
	43.pdf
	44.pdf
	45.pdf
	46.pdf
	47.pdf
	48.pdf
	49.pdf
	50.pdf
	51.pdf
	52.pdf
	53.pdf
	54.pdf
	55.pdf
	56.pdf
	57.pdf
	58.pdf
	59.pdf
	60.pdf
	61.pdf
	62.pdf
	63.pdf
	64.pdf
	65.pdf
	66.pdf
	67.pdf
	68.pdf
	69.pdf
	70.pdf
	71.pdf
	72.pdf
	73.pdf
	74.pdf
	75.pdf
	76.pdf
	77.pdf
	78.pdf
	79.pdf
	80.pdf
	81.pdf
	82.pdf
	83.pdf
	84.pdf
	85.pdf
	86.pdf
	87.pdf
	88.pdf
	89.pdf
	90.pdf
	91.pdf
	92.pdf
	93.pdf
	94.pdf
	95.pdf
	96.pdf
	97.pdf
	98.pdf
	99.pdf
	100.pdf
	101.pdf
	102.pdf
	103.pdf
	104.pdf
	105.pdf
	106.pdf
	107.pdf
B-PrestazioniDegliOrganismiEdilizi
	1.pdf
	2.pdf
	3.pdf
	4.pdf
	5.pdf
	6.pdf
	7.pdf
	8.pdf
	9.pdf
	10.pdf
	11.pdf
	12.pdf
	13.pdf
	14.pdf
	15.pdf
	16.pdf
	17.pdf
	18.pdf
	19.pdf
	20.pdf
	21.pdf
	22.pdf
	23.pdf
	24.pdf
	25.pdf
	26.pdf
	27.pdf
	28.pdf
	29.pdf
	30.pdf
	31.pdf
	32.pdf
	33.pdf
	34.pdf
	35.pdf
	36.pdf
	37.pdf
	38.pdf
	39.pdf
	40.pdf
	41.pdf
	42.pdf
	43.pdf
	44.pdf
	45.pdf
	46.pdf
	47.pdf
	48.pdf
	49.pdf
	50.pdf
	51.pdf
	52.pdf
	53.pdf
	54.pdf
	55.pdf
	56.pdf
	57.pdf
	58.pdf
	59.pdf
	60.pdf
	61.pdf
	62.pdf
	63.pdf
	64.pdf
	65.pdf
	66.pdf
	67.pdf
	68.pdf
	69.pdf
	70.pdf
	71.pdf
	72.pdf
	73.pdf
	74.pdf
	75.pdf
	76.pdf
	77.pdf
	78.pdf
	79.pdf
	80.pdf
	81.pdf
	82.pdf
	83.pdf
	84.pdf
	85.pdf
	86.pdf
	87.pdf
	88.pdf
	89.pdf
	90.pdf
	91.pdf
	92.pdf
	93.pdf
	94.pdf
	95.pdf
	96.pdf
	97.pdf
	98.pdf
	99.pdf
	100.pdf
	101.pdf
	102.pdf
	103.pdf
	104.pdf
	105.pdf
	106.pdf
	107.pdf
	108.pdf
	109.pdf
	110.pdf
	111.pdf
	112.pdf
	113.pdf
	114.pdf
	115.pdf
	116.pdf
	117.pdf
	118.pdf
	119.pdf
	120.pdf
	121.pdf
	122.pdf
	123.pdf
	124.pdf
	125.pdf
	126.pdf
	127.pdf
	128.pdf
	129.pdf
	130.pdf
	131.pdf
	132.pdf
	133.pdf
	134.pdf
	135.pdf
	136.pdf
	137.pdf
	138.pdf
	139.pdf
	140.pdf
	141.pdf
	142.pdf
	143.pdf
	144.pdf
	145.pdf
	146.pdf
	147.pdf
	148.pdf
	149.pdf
	150.pdf
	151.pdf
	152.pdf
	153.pdf
	154.pdf
	155.pdf
	156.pdf
	157.pdf
	158.pdf
	159.pdf
	160.pdf
	161.pdf
	162.pdf
	163.pdf
	164.pdf
	165.pdf
	166.pdf
	167.pdf
	168.pdf
	169.pdf
	170.pdf
	171.pdf
	172.pdf
	173.pdf
	174.pdf
	175.pdf
	176.pdf
	177.pdf
	178.pdf
	179.pdf
	180.pdf
	181.pdf
	182.pdf
	183.pdf
	184.pdf
	185.pdf
	186.pdf
	187.pdf
	188.pdf
	189.pdf
	190.pdf
	191.pdf
	192.pdf
	193.pdf
	194.pdf
	195.pdf
	196.pdf
	197.pdf
	198.pdf
	199.pdf
	200.pdf
	201.pdf
	202.pdf
	203.pdf
	204.pdf
	205.pdf
	206.pdf
	207.pdf
	208.pdf
	209.pdf
	210.pdf
	211.pdf
	212.pdf
	213.pdf
	214.pdf
	215.pdf
	216.pdf
	217.pdf
	218.pdf
	219.pdf
	220.pdf
	221.pdf
	222.pdf
	223.pdf
	224.pdf
	225.pdf
	226.pdf
	227.pdf
	228.pdf
	229.pdf
	230.pdf
	231.pdf
	232.pdf
	233.pdf
	234.pdf
	235.pdf
	236.pdf
	237.pdf
	238.pdf
	239.pdf
	240.pdf
	241.pdf
	242.pdf
	243.pdf
	244.pdf
	245.pdf
	246.pdf
	247.pdf
	248.pdf
	249.pdf
	250.pdf
	251.pdf
	252.pdf
	253.pdf
	254.pdf
	255.pdf
	256.pdf
	257.pdf
	258.pdf
	259.pdf
	260.pdf
	261.pdf
	262.pdf
	263.pdf
	264.pdf
	265.pdf
	266.pdf
	267.pdf
	268.pdf
	269.pdf
	270.pdf
	271.pdf
	272.pdf
	273.pdf
	274.pdf
	275.pdf
	276.pdf
	277.pdf
	278.pdf
	279.pdf
	280.pdf
	281.pdf
	282.pdf
	283.pdf
	284.pdf
	285.pdf
	286.pdf
	287.pdf
	288.pdf
	289.pdf
	290.pdf
	291.pdf
	292.pdf
	293.pdf
	294.pdf
	295.pdf
	296.pdf
	297.pdf
	298.pdf
	299.pdf
	300.pdf
	301.pdf
	302.pdf
	303.pdf
	304.pdf
	305.pdf
	306.pdf
	307.pdf
	308.pdf
	309.pdf
	310.pdf
	311.pdf
	312.pdf
	313.pdf
	314.pdf
	315.pdf
	316.pdf
	317.pdf
	318.pdf
	319.pdf
	320.pdf
	321.pdf
	322.pdf
	323.pdf
	324.pdf
	325.pdf
	326.pdf
	327.pdf
	328.pdf
	329.pdf
	330.pdf
	331.pdf
	332.pdf
	333.pdf
	334.pdf
	335.pdf
	336.pdf
	337.pdf
	338.pdf
	339.pdf
	340.pdf
	341.pdf
	342.pdf
	343.pdf
	344.pdf
	345.pdf
	346.pdf
	347.pdf
	348.pdf
	349.pdf
	350.pdf
	351.pdf
	352.pdf
	353.pdf
	354.pdf
	355.pdf
	356.pdf
	357.pdf
	358.pdf
	359.pdf
	360.pdf
	361.pdf
	362.pdf
	363.pdf
	364.pdf
	365.pdf
C-EsercizioProfessionale
	Caratteristiche della professione
	Organizzazione della professione
	Libera professione individuale
	Professione associata
	Associazione per l'esercizio della professione
	Atto costitutivo e statuto di associazione tra professionisti
	Associazione per ripartire le spese
	Raggruppamento temporaneo di professionisti
	Società di ingegneria
	Incompatibilità per i liberi professionisti
	Incompatibilità per i professionisti dipendenti
	8.pdf
	9.pdf
	10.pdf
	11.pdf
	12.pdf
	13.pdf
	14.pdf
	15.pdf
	16.pdf
	17.pdf
	18.pdf
	19.pdf
	20.pdf
	21.pdf
	22.pdf
	23.pdf
	24.pdf
	25.pdf
	26.pdf
	27.pdf
	28.pdf
	29.pdf
	30.pdf
	31.pdf
	32.pdf
	33.pdf
	34.pdf
	35.pdf
	36.pdf
	37.pdf
	38.pdf
	39.pdf
	40.pdf
	41.pdf
	42.pdf
	43.pdf
	44.pdf
	45.pdf
	46.pdf
	47.pdf
	48.pdf
	49.pdf
	50.pdf
	51.pdf
	52.pdf
	53.pdf
	54.pdf
	55.pdf
	56.pdf
	57.pdf
	58.pdf
	59.pdf
	60.pdf
	61.pdf
	62.pdf
	63.pdf
	64.pdf
	65.pdf
	66.pdf
	67.pdf
	68.pdf
	69.pdf
	70.pdf
	71.pdf
	72.pdf
	73.pdf
	74.pdf
	75.pdf
	76.pdf
	77.pdf
	78.pdf
	79.pdf
	80.pdf
	81.pdf
	82.pdf
	83.pdf
	84.pdf
	85.pdf
	86.pdf
	87.pdf
	88.pdf
	89.pdf
	90.pdf
	91.pdf
	Modulistica per l'esecuzione dei lavori
	93.pdf
	94.pdf
	Contabilità dei lavori pubblici
	96.pdf
	97.pdf
	98.pdf
	99.pdf
	100.pdf
	101.pdf
	102.pdf
	103.pdf
	104.pdf
	105.pdf
	106.pdf
	107.pdf
	108.pdf
	109.pdf
	110.pdf
	111.pdf
	112.pdf
	113.pdf
D-ProgettazioneStrutturale
	1.pdf
	2.pdf
	3.pdf
	4.pdf
	5.pdf
	6.pdf
	7.pdf
	8.pdf
	9.pdf
	10.pdf
	11.pdf
	12.pdf
	13.pdf
	14.pdf
	15.pdf
	16.pdf
	17.pdf
	18.pdf
	19.pdf
	20.pdf
	21.pdf
	22.pdf
	23.pdf
	24.pdf
	25.pdf
	26.pdf
	27.pdf
	28.pdf
	29.pdf
	30.pdf
	31.pdf
	32.pdf
	33.pdf
	34.pdf
	35.pdf
	36.pdf
	37.pdf
	38.pdf
	39.pdf
	40.pdf
	41.pdf
	42.pdf
	43.pdf
	44.pdf
	45.pdf
	46.pdf
	47.pdf
	48.pdf
	49.pdf
	50.pdf
	51.pdf
	52.pdf
	53.pdf
	54.pdf
	55.pdf
	56.pdf
	57.pdf
	58.pdf
	59.pdf
	60.pdf
	61.pdf
	62.pdf
	63.pdf
	64.pdf
	65.pdf
	66.pdf
	67.pdf
	68.pdf
	69.pdf
	70.pdf
	71.pdf
	72.pdf
	73.pdf
	74.pdf
	75.pdf
	76.pdf
	77.pdf
	78.pdf
	79.pdf
	80.pdf
	81.pdf
	82.pdf
	83.pdf
	84.pdf
	85.pdf
	86.pdf
	87.pdf
	88.pdf
	89.pdf
	90.pdf
	91.pdf
	92.pdf
	93.pdf
	94.pdf
	95.pdf
	96.pdf
	97.pdf
	98.pdf
	99.pdf
	100.pdf
	101.pdf
	102.pdf
	103.pdf
	104.pdf
	105.pdf
	106.pdf
	107.pdf
	108.pdf
	109.pdf
	110.pdf
	111.pdf
	112.pdf
	113.pdf
	114.pdf
	115.pdf
	116.pdf
	117.pdf
	118.pdf
	119.pdf
	120.pdf
	121.pdf
	122.pdf
	123.pdf
	124.pdf
	125.pdf
	126.pdf
	127.pdf
	128.pdf
	129.pdf
	130.pdf
	131.pdf
	132.pdf
	133.pdf
	134.pdf
	135.pdf
	136.pdf
	137.pdf
	138.pdf
	139.pdf
	140.pdf
	141.pdf
	142.pdf
	143.pdf
	144.pdf
	145.pdf
	146.pdf
	147.pdf
	148.pdf
	149.pdf
	150.pdf
	151.pdf
	152.pdf
	153.pdf
	154.pdf
	155.pdf
	156.pdf
	157.pdf
	158.pdf
	159.pdf
	160.pdf
	161.pdf
	162.pdf
	163.pdf
	164.pdf
	165.pdf
	166.pdf
	167.pdf
	168.pdf
	169.pdf
	170.pdf
	171.pdf
	172.pdf
	173.pdf
	174.pdf
	175.pdf
	176.pdf
	177.pdf
	178.pdf
	179.pdf
	180.pdf
	181.pdf
	182.pdf
	183.pdf
	184.pdf
	185.pdf
	186.pdf
	187.pdf
	188.pdf
	189.pdf
	190.pdf
	191.pdf
	192.pdf
	193.pdf
	194.pdf
	195.pdf
	196.pdf
	197.pdf
	198.pdf
	199.pdf
	200.pdf
	201.pdf
	202.pdf
	203.pdf
	204.pdf
	205.pdf
	206.pdf
	207.pdf
	208.pdf
	209.pdf
	210.pdf
	211.pdf
	212.pdf
	213.pdf
	214.pdf
	215.pdf
	216.pdf
	217.pdf
	218.pdf
	219.pdf
	220.pdf
	221.pdf
	222.pdf
	223.pdf
	224.pdf
	225.pdf
	226.pdf
	227.pdf
	228.pdf
	229.pdf
	230.pdf
	231.pdf
	232.pdf
	233.pdf
	234.pdf
	235.pdf
E-ControlloAmbientale
	1.pdf
	2.pdf
	3.pdf
	4.pdf
	5.pdf
	6.pdf
	7.pdf
	8.pdf
	9.pdf
	10.pdf
	11.pdf
	12.pdf
	13.pdf
	14.pdf
	15.pdf
	16.pdf
	17.pdf
	18.pdf
	19.pdf
	20.pdf
	21.pdf
	22.pdf
	23.pdf
	24.pdf
	25.pdf
	26.pdf
	27.pdf
	28.pdf
	29.pdf
	30.pdf
	31.pdf
	32.pdf
	33.pdf
	34.pdf
	35.pdf
	36.pdf
	37.pdf
	38.pdf
	39.pdf
	40.pdf
	41.pdf
	42.pdf
	43.pdf
	44.pdf
	45.pdf
	46.pdf
	47.pdf
	48.pdf
	49.pdf
	50.pdf
	51.pdf
	52.pdf
	53.pdf
	54.pdf
	55.pdf
	56.pdf
	57.pdf
	58.pdf
	59.pdf
	60.pdf
	61.pdf
	62.pdf
	63.pdf
	64.pdf
	65.pdf
	66.pdf
	67.pdf
	68.pdf
	69.pdf
	70.pdf
	71.pdf
	72.pdf
	73.pdf
	74.pdf
	75.pdf
	76.pdf
	77.pdf
	78.pdf
	79.pdf
	80.pdf
	81.pdf
	82.pdf
	83.pdf
	84.pdf
	85.pdf
	86.pdf
	87.pdf
	88.pdf
	89.pdf
	90.pdf
	91.pdf
	92.pdf
	93.pdf
	94.pdf
	95.pdf
	96.pdf
	97.pdf
	98.pdf
	99.pdf
	100.pdf
	101.pdf
	102.pdf
	103.pdf
	104.pdf
	105.pdf
	106.pdf
	107.pdf
	108.pdf
	109.pdf
	110.pdf
	111.pdf
	112.pdf
	113.pdf
	114.pdf
	115.pdf
	116.pdf
	117.pdf
	118.pdf
	119.pdf
	120.pdf
	121.pdf
	122.pdf
	123.pdf
	124.pdf
	125.pdf
	126.pdf
	127.pdf
	128.pdf
	129.pdf
	130.pdf
	131.pdf
	132.pdf
	133.pdf
	134.pdf
	135.pdf
	136.pdf
	137.pdf
	138.pdf
	139.pdf
	140.pdf
	141.pdf
	142.pdf
	143.pdf
	144.pdf
	145.pdf
	146.pdf
	147.pdf
	148.pdf
	149.pdf
	150.pdf
	151.pdf
	152.pdf
	153.pdf
	154.pdf
	155.pdf
	156.pdf
	157.pdf
	158.pdf
	159.pdf
	160.pdf
	161.pdf
	162.pdf
	163.pdf
	164.pdf
	165.pdf
	166.pdf
	167.pdf
	168.pdf
	169.pdf
	170.pdf
	171.pdf
	172.pdf
	173.pdf
	174.pdf
	175.pdf
	176.pdf
	177.pdf
	178.pdf
	179.pdf
	180.pdf
	181.pdf
F-Materiali,componenti,tecniche
	1.pdf
	2.pdf
	3.pdf
	4.pdf
	5.pdf
	6.pdf
	7.pdf
	8.pdf
	9.pdf
	10.pdf
	11.pdf
	12.pdf
	13.pdf
	14.pdf
	15.pdf
	16.pdf
	17.pdf
	18.pdf
	19.pdf
	20.pdf
	21.pdf
	22.pdf
	23.pdf
	24.pdf
	25.pdf
	26.pdf
	27.pdf
	28.pdf
	29.pdf
	30.pdf
	31.pdf
	32.pdf
	33.pdf
	34.pdf
	35.pdf
	36.pdf
	37.pdf
	38.pdf
	39.pdf
	40.pdf
	41.pdf
	42.pdf
	43.pdf
	44.pdf
	45.pdf
	46.pdf
	47.pdf
	48.pdf
	49.pdf
	50.pdf
	51.pdf
	52.pdf
	53.pdf
	54.pdf
	55.pdf
	56.pdf
	57.pdf
	58.pdf
	59.pdf
	60.pdf
	61.pdf
	62.pdf
	63.pdf
	64.pdf
	65.pdf
	66.pdf
	67.pdf
	68.pdf
	69.pdf
	70.pdf
	71.pdf
	72.pdf
	73.pdf
	74.pdf
	75.pdf
	76.pdf
	77.pdf
	78.pdf
	79.pdf
	80.pdf
	81.pdf
	82.pdf
	83.pdf
	84.pdf
	85.pdf
	86.pdf
	87.pdf
	88.pdf
	89.pdf
	90.pdf
	91.pdf
	92.pdf
	93.pdf
	94.pdf
	95.pdf
	96.pdf
	97.pdf
	98.pdf
	99.pdf
	100.pdf
	101.pdf
	102.pdf
	103.pdf
	104.pdf
	105.pdf
	106.pdf
	107.pdf
	108.pdf
	109.pdf
	110.pdf
	111.pdf
	112.pdf
	113.pdf
	114.pdf
	115.pdf
	116.pdf
	117.pdf
	118.pdf
	119.pdf
	120.pdf
	121.pdf
	122.pdf
	123.pdf
	124.pdf
	125.pdf
	126.pdf
	127.pdf
	128.pdf
	129.pdf
	130.pdf
	131.pdf
	132.pdf
	133.pdf
	134.pdf
	135.pdf
	136.pdf
	137.pdf
	138.pdf
	139.pdf
	140.pdf
	141.pdf
	142.pdf
	143.pdf
	144.pdf
	145.pdf
	146.pdf
	147.pdf
	148.pdf
	149.pdf
	150.pdf
	151.pdf
	152.pdf
	153.pdf
	154.pdf
	155.pdf
	156.pdf
	157.pdf
	158.pdf
	159.pdf
	160.pdf
	161.pdf
	162.pdf
	163.pdf
	164.pdf
	165.pdf
	166.pdf
	167.pdf
	168.pdf
	169.pdf
	170.pdf
	171.pdf
	172.pdf
	173.pdf
	174.pdf
	175.pdf
	176.pdf
	177.pdf
	178.pdf
	179.pdf
	180.pdf
	181.pdf
	182.pdf
	183.pdf
	184.pdf
	185.pdf
	186.pdf
	187.pdf
	188.pdf
	189.pdf
	190.pdf
	191.pdf
	192.pdf
	193.pdf
	194.pdf
	195.pdf
	196.pdf
	197.pdf
	198.pdf
	199.pdf
	200.pdf
	201.pdf
	202.pdf
	203.pdf
	204.pdf
	205.pdf
	206.pdf
	207.pdf
	208.pdf
	209.pdf
	210.pdf
	211.pdf
	212.pdf
	213.pdf
	214.pdf
	215.pdf
	216.pdf
	217.pdf
	218.pdf
	219.pdf
	220.pdf
	221.pdf
G-Urbanistica
	Conoscere il territorio
	Rappresentazioni cartografiche
	Rilevamenti, scale, formati
	Istituzioni
	Cartografia specialistica
	Rappresentazione delle carte climatiche
	Paesaggio vegetale naturale
	9.pdf
	Caratteristiche dell'edificazione stabile
	Isolati urbani
	11.pdf
	12.pdf
	13.pdf
	14.pdf
	15.pdf
	16.pdf
	17.pdf
	18.pdf
	19.pdf
	20.pdf
	21.pdf
	22.pdf
	23.pdf
	24.pdf
	25.pdf
	26.pdf
	27.pdf
	28.pdf
	29.pdf
	30.pdf
	31.pdf
	32.pdf
	33.pdf
	34.pdf
	35.pdf
	36.pdf
	37.pdf
	38.pdf
	39.pdf
	40.pdf
	41.pdf
	42.pdf
	43.pdf
	44.pdf
	45.pdf
	46.pdf
	47.pdf
	48.pdf
	49.pdf
	50.pdf
	51.pdf
	52.pdf
	53.pdf
	54.pdf
	55.pdf
	56.pdf
	57.pdf
	58.pdf
	59.pdf
	60.pdf
	61.pdf
	62.pdf
	63.pdf
	64.pdf
	65.pdf
	66.pdf
	67.pdf
	68.pdf
	69.pdf
	70.pdf
	71.pdf
	72.pdf
	73.pdf
	74.pdf
	75.pdf
	76.pdf
	77.pdf
	78.pdf
	79.pdf
	80.pdf
	81.pdf
	82.pdf
	83.pdf
	84.pdf
	85.pdf
	86.pdf
	87.pdf
	88.pdf
	89.pdf
	90.pdf
	91.pdf
	92.pdf
	93.pdf
	94.pdf
	95.pdf
	96.pdf
	97.pdf
	98.pdf
	99.pdf
	100.pdf
	101.pdf
	102.pdf
	103.pdf
	104.pdf
	105.pdf
	106.pdf
	107.pdf
	108.pdf
	109.pdf
	110.pdf
	111.pdf
	112.pdf
	113.pdf
	114.pdf
	115.pdf
	116.pdf
	117.pdf
	118.pdf
	119.pdf
	120.pdf
	121.pdf
                        
Document Text Contents
Page 1

A.
NOZIONI GENERALI DI PROGETTAZIONE

Page 2

A 2

NOZIONI GENERALI DI PROGETTAZIONE • RAPPRESENTAZIONE DEL PROGETTOA.1.
1. ORGANISMI NORMATIVI NAZIONALI E INTERNAZIONALI

Non sappiamo chi, in stato di avanzata demenza, abbia inventato la simmetria, una nozione che tuttora ottenebra

È essenziale della “rappresentazione” l’esigenza di trasmettere informazioni.
Tanto vale per qualsiasi tipo di rappresentazione, in qualsiasi ambito di progettazione
e di produzione. Tanto più vale in ambiti caratterizzati dalla collaborazione di un gran
numero di operatori e da un elevato grado di complessità dei materiali e dei processi,
come è per l’ambito del progetto edilizio. Quanto più esteso è il numero degli opera-
tori coinvolti e quanto più alto è il grado di complessità implicato dai processi produt-
tivi, tanto più chiara e definita dovrà risultare l’informazione che la rappresentazione
trasmette. Tutto ciò è alla base dell’esigenza di definire, codificare, regolare i modi del-
la trascrizione-comunicazione del progetto. Questioni “normative” che non si poneva-
no quando il “progetto”, costituito da rappresentazioni ‘naturali’, doveva rendere con-
to al “committente” illuminato del palazzo o della cattedrale e fornire indicazioni di
costruzione, d’ordine e di misura ad artigiani sapienti e, in qualche modo, familiari, in
quanto appartenenti alla stessa aura culturale del progettista. Questioni divenute
essenziali oggi che la “committenza” è costituita soprattutto da “istituzioni” – come è
per scuole, case popolari, musei e biblioteche, stazioni, strade e piazze, dighe, ecc. –
che nel concreto propongono una pluralità complessa di interlocutori; oggi che la rea-
lizzazione è demandata a una larga gamma di operatori – altri tecnici, industriali, arti-
giani – con proprie logiche produttive, proprie culture, propri statuti. Accanto al dise-
gno ‘naturale’, che sopravvive come strumento di ricerca, di verifica e comunicazione
sintetica del progetto, si dispongono sistemi di rappresentazione di diverso grado di
astrazione e complessità, regolati da codici di comunicazione rivolti a rendere chiare
e univoche le informazioni per i diversi interlocutori e operatori coinvolti nella realizza-
zione dell’opera.
Il progetto consiste essenzialmente nell’elaborazione di questo complesso sistema di
informazioni chiare e correlate, redatte in codici che possano essere univocamente
interpetrati dagli operatori che concorrono alla realizzazione dell’opera. Il “codice” non
è ancora “norma”: il codice precede la norma, è una modalità di comunicazione che si
istituisce all’interno di un gruppo, di una comunità scientifica o tecnica e che nel tem-
po si afferma e consolida. Allorquando un “codice” viene selezionato, definito e infine
imposto esplicitamente da una qualche legge o regolamento emanato da qualche
autorità riconosciuta, acquisisce il carattere di “norma”, vale a dire di disposizione
cogente, imperativa.

CODICE E NORMA

ORGANIZZAZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI DI NORMALIZZAZIONE

ATTIVITÀ NORMATIVA

Le modalità di redazione-comunicazione degli elaborati di progetto sono regolate da norme.
Si tratta di disposizioni, convenzioni, prescrizioni che costituiscono solo una parte di più ampi apparati di regolamentazione nazionali e internazionali rivolti a verificare e garan-
tire le prestazioni dei prodotti industriali in genere – quindi anche dei prodotti che intervengono nell’industria delle costruzioni – e a coordinarne la compatibilità e l’utilizzabilità
nei diversi ambiti produttivi e territoriali, sia come “prodotti finali” destinati direttamente alla fruizione, sia come “componenti” di prodotti più complessi.

NORME DI RAPPRESENTAZIONE

L’attività normativa viene svolta prevalentemente a livello nazionale, ma da diversi
anni si sono costituite organizzazioni che operano nel senso di promuovere l’esten-
sione dei sistemi normativi e di armonizzare le diverse norme nazionali al fine di age-
volare gli scambi e la comunicazione a livello europeo e mondiale.

Per motivi storici, all’interno dei diversi ambiti territoriali di competenza (nazionale,
europeo, mondiale) si sono costituite due catene di Organizzazioni principali: una limi-
tata al settore elettrotecnico ed elettronico, l’altra estesa a regolare tutti gli altri settori.

• In ambito nazionale italiano tali organizzazioni sono la CEI per il settore elettrico e
l’UNI per gli altri settori;

• in ambito europeo vi sono la CENELEC per il settore elettrico e la CEN per gli altri
settori;

• in ambito mondiale vi sono la IEC per il settore elettrico e l’ISO per gli altri settori.

INTERNATIONAL STANDARD ORGANIZATION (ISO)

È una federazione mondiale di organismi di normazione – fondata nel 1926 come
International Federation of the National Standardising Association (ISA) e costi-
tuita nella sua forma attuale nel 1946, alla quale aderiscono oltre cento Nazioni, pre-
senti ognuna con un rappresentante.
Il suo obiettivo è la promozione dello sviluppo della normativa e delle attività connes-
se in tutti i Paesi aderenti, al fine di facilitare gli scambi internazionali di beni e servizi
e di sviluppare la cooperazione intellettuale, scientifica, tecnica ed economica.
L’ISO emana Norme Internazionali applicabili su base volontaria in tutti i settori, a
eccezione di quello elettrico ed elettronico che resta di competenza dell’IEC (Comitato
Elettrotecnico Internazionale).
L’ISO ha stabilito rapporti di lavoro con diversi organismi regionali di normazione, gli opera-
tori dei quali sono anche membri dell’ISO; secondo un principio di comportamento general-
mente accettato, le Norme ISO vengono assunte come base per la normazione di ambiti ed
esigenze particolari delle diverse Regioni. È strutturato in Comitati tecnici, Sottocomitati,
Gruppi di lavoro. Il Comitato tecnico che si occupa del settore edile è il Tc 59.

COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE (CEN)

È l’organizzazione europea responsabile della pianificazione, della redazione e dell’a-
dozione delle norme europee riferibili a tutti i settori produttivi, eccetto quelle dei setto-
ri elettrico, elettronico e delle comunicazioni regolati dal CENELEC (Comitato Europeo
di Normazione Elettrotecnico) e dall’ETSI (Istituto Europeo di Normazione delle
Telecomunicazioni). Si è costituito nel 1961 e ha sede a Bruxelles. Fanno parte del
CEN gli Organismi nazionali di normazione dei Paesi membri della Comunità europea
e della European Free Trade Association (EFTA). Le norme CEN sono rivolte a costi-
tuire una base tecnica comune e coerente per il Mercato Unico. Accertata la necessità
di disporre di norme europee in un determinato ambito produttivo, viene costituito un
gruppo di lavoro formato da esperti dei diversi Paesi europei, finanziati volontariamen-
te dall’industria e da altre organizzazioni di ricerca. Il gruppo elabora le normative
seguendo procedure che garantiscano il rispetto di alcuni principi, come sono:

• apertura e trasparenza: tutte le parti interessate possono partecipare ai lavori;
• consenso: le norme sono elaborate sulla base di un accordo volontario fra le par-

ti interessate;
• impegno nazionale: l’adozione formale delle norme viene deliberata tramite voto

ed è vincolante per i membri nazionali del CEN;
• coerenza tecnica a livello europeo e nazionale: le norme europee costituisco-

no un corpus che si viene compattando a vantaggio degli utilizzatori sia a livello
europeo che nazionale, mediante il ritiro obbligatorio delle norme nazionali che
via via vengono a trovarsi in contrasto con le nuove disposizioni emanate.

Il Comitato Europeo di Normazione (CEN) ha instaurato con l’ISO protocolli procedu-
rali per l’elaborazione di norme che valgano sia come Norme Europee che come
Norme Internazionali. Il CEN opera nel settore delle costruzioni mediante un Comitato
di programmazione “Building”; mediante Comitati tecnici articolati in quattro gruppi che
si occupano di normative sulle prestazioni ambientali, sulle strutture portanti, sulle par-
ti funzionali dell’edificio e sugli impianti; infine, mediante Comitati di certificazione.
Il CEN emana Norme europee (EN) (da trasporre senza modifiche negli ordinamenti
nazionali), Documenti di Armonizzazione (HD) (trasponibili con alcune modifiche che
non ne alterino i contenuti essenziali), Norme sperimentali (ENV) (applicabili provvi-
soriamente, in genere per due anni, nei settori ad alto tasso di innovazione, consen-
tendo la permanenza di eventuali norme contrastanti).

Codici ‘letterari’, come sono:

• nomi (di prodotti, categorie di prodotti, strumenti)

• legende, didascalie processuali, avvertenze.

Codici ‘numerici e quantitativi’, come sono:

• quote e misure, numerazione di pezzi o parti ricorrenti;

• calcoli, computi delle quantità, analisi dei prezzi, ecc.

Simbologie grafiche-numeriche di designazione e correlazione, come sono:

• la posizione dei riferimenti a sezioni, particolari e dettagli;

• i rimandi ai corrispondenti elaborati grafici.

Codici grafici, come sono:

• spessori connotativi delle linee;

• simbologie di designazione dei materiali;

• simbologie schematiche di oggetti complessi
(apparecchiature di impianti idraulici, elettrici ed elettronici, telefonici, ecc);

• schematizzazioni di processi (come i grafici di temporalizzazione delle opere);

• schematizzazioni di apparati tecnologici
(come gli schemi di smaltimento delle acque meteoriche nelle coperture).

Page 671

D 86

PROGETTAZIONE STRUTTURALE • STRUTTURED.5.
6. CEMENTO ARMATO – PILASTRI

Le prescrizioni poste dalla normativa per tale stato di sollecitazione sono le seguenti:

1. se la sezione è poligonale l’armatura longitudinale deve prevedere almeno un ferro
per ogni vertice del poligono. Se la sezione è circolare occorre prevedere almeno
sei ferri longitudinali equi distribuiti;

2. il diametro minimo delle armature longitudinali è di 12 mm; Per elementi prefabbri-
cati 10 mm;

3. deve essere sempre presente una armatura trasversale (staffe) di diametro maggiore od
uguale a 6 mm. Le staffe devono essere chiuse e con ripiegature che entrino all’interno
della sezione. Il copriferro misurato all’esterno delle staffe deve risultare maggiore od
eguale a 2 cm. Le staffe debbono avere un passo non maggiore a quindici volte il dia-
metro minimo delle armature longitudinali e comunque non superiore a 25 cm.

4. L’armatura longitudinale deve:

• risultare maggiore od uguale all’otto per mille della sezione di conglomerato
strettamente necessaria;

• risultare maggiore del tre per mille della sezione effettiva di conglomerato;
• risultare minore del sei per cento della sezione effettiva di conglomerato.

5. Indicando con B l’area del conglomerato e con Af quella dell’acciaio risultante
con N il carico agente deve risultare:

CARICO ASSIALE CENTRATO

σb = = ≤ 0,7 · Bs 60 + = 0,7σbam Kg/cm2
N

B + n · Af

Rck – 150
4

SEZIONE STRETTAMENTE NECESSARIA

Assunto per il coefficiente di omogeneizzazione il valore n = 15 la sezione di conglo-
merato strettamente necessaria è data da:

L’armatura corrispondente risulta:

Tale valore di armatura rappresenta il valore minimo dell’armatura presente nella
sezione.

Se indichiamo con B l’area effettiva della sezione e con Af l’armatura effettiva pre-
sente si possono avere i seguenti casi:

1) B ≥ Bs

In tale caso, teoricamente si potrebbe assumere Af = Af .

Nella realtà Af è di poco maggiore di Af

Occorre però controllare che risulti:

2) B < Bs

In tal caso deve risultare:

Il valore minimo dell’area di conglomerato è condizionato dal fatto che la percentuale
massima di armatura è pari al 6%. Deve quindi risultare:

e quindi:

si ha:

È comunque bene che risulti:

In tal caso l’armatura della sezione risulta:

VERIFICA

In tal caso sono nati i valori di:
N B Af Rck

Per prima cosa si determina il valore della tensione ammissibile: σb = 0,7 · σbam

e si controlla che risulti:

si determina:

La verifica statica è soddisfatta se:

Se risulta:

la verifica statica è soddisfatta.

ESEMPIO I

Armatura:
Poiché B > Bs Af > Af la verifica è soddisfatta.

ESEMPIO II

Risulta:

Poiché Af > Amin la verifica statica è soddisfatta.

N = 280t Rck = 250 σbam = 85 Kg/cm2

8φ24 = 8·4,52 = 36,17cm

B = 65 ·70 = 4500cm2

Af = 0,008 · 4201 = 33,61 cm2

N = 200t Rck = 300 σbam = 97,5 Kg/cm2

B = 50 · 50 = 250 cm2 Af = 8 φ 22 = 30,39 cm2

B ≥ Bs Af ≥ Af

Bmin ≥ 1,06·0,589·Bs≅ 0,625Bs

= =
N

0,70·σbam (1+ηµ)
N

0,7·σbam·1,12
N

0,70·σbam 1+15·
8

1000

Af = ·Bs
8

1000

Af > ·B
3

1000

Af ≥ ·Bs+
(Bs–B)

15

8
1000

·Bs+ – = ·Bmin
Bs

15

Bmin

15

6

100

8

1000

Bs· = Bmin·
1120

1000 ·15

190

100 ·15

Bmin = Bs· ≅ 0,589·Bs
1120

1900

Af = 0,625 · Bs = 0,0375 · B
6

100

≤ σbam
N

B + 15 · Af

Bs =
N

σb·112
Af = ·Bs

8

1000

Bs = = 4201 cm2
280.000

0,7·85·1,12

Bs = = 2612 cm2
200.000

0,7·97,5·1,12

Bs–B

15

116

15
B < Bs Amin = Af + = 20,928+ = 28,66

Af ≥ Af +
(Bs–B)

15
0,625Bs ≤ B < Bs Af > Af

Page 672

PROGETTAZIONE STRUTTURALE • STRUTTURE

D 87

C.
ESERC

IZIO

PROFE
SSION

ALE

D.
PROG

ETTAZ
IONE

STRUT
TURAL

E

E.
CONTR

OLLO

AMBIE
NTALE

F.
MATER

IALI,

COMP
ONEN

TI, TEC
NICHE

A.
NOZIO

NI

GENER
ALI DI

PROG
ETTAZ

IONE

G.
URBAN

ISTICA

B.
PRESTA

ZIONI
DEGLI

ORGA
NISMI

EDILIZ
I

D.5.
6.

D.5.6
.

CEMEN
TO AR

MATO


PILAST
RI

D.1.
ASPET

TI NOR
MATIV

I

SPECIF
ICI

D.2.
COMP

ORTAM
ENTO

DEI MA
TERIAL

I

D.3.
MALTE

, CONG
LOMER

ATI,

ACCIA
I

D.4.
STATI

DI

SOLLE
CITAZI

ONE

D.5.
STRUT

TURE

D.6.
OPERE

DI FO
NDAZ

IONE


CEMENTO ARMATO – PILASTRI

In tal caso sono dati N e Rck conseguentemente è noto
il valore di σbam e quindi σb = 0,7σbam

Si determina quindi Bs e Af e si proporzionano sia la
sezione sia le armature.

Poniamo:

Vediamo qui di seguito alcune soluzioni possibili.

a) sezione rettangolare

b) sezione circolare D = 60 cm

Poiché B è minore di Bs l’armatura deve essere:

Ponendo otto ferri di diametro uguale si ha:

Si disporranno 8 φ 24.
ESEMPIO III

Sezione circolare D = 65 cm

Poiché B > Bs l’armatura minima da disporre è:

Si possono pertanto disporre 8 φ 20

PROPORZIONAMENTO

N = 200t Rck = 250 Kg/cm2 σbam = 85 Kg/cm2

B = 60 · 50 = 3000 cm2 = Bs

Af = 8 · 3,14 = 25,12 > As

Af = 24 cm2

Bs = = 3001 cm2
200.000

0,7·σbam·1,12

As = · 3001 = 24 cm2
8

1000

Amin = Af + = 35,66 cm2
3000 –2827

15

d = = 2,38 cm
4·35,66

3,141·8

B = = 3318 cm2
π·662

4

DISPOSIZIONE DELLE ARMATURE

ARMATURE LONGITUDINALI

Come riportato nei punti precedenti le norme tecniche prescrivono per le barre costi-
tuenti l’armatura longitudinale dei pilastri il diametro minimo φ 12 ridotto per ele-
menti prefabbricati in stabilimento al φ 10. Dette barre devono essere poste agli
angoli della sezione del pilastro.
Ulteriori armature longitudinali saranno poste, se necessario, lungo i lati della sezio-
ne a interassi massimi di 25÷30 cm.
Per sollecitazioni di pressoflessione deviata è bene disporre più barre in prossimità
dei vertici della sezione.

Le armature devono avere sempre disposizioni simmetriche al fine di evitare peri-
colosi errori di montaggio.
Le giunzioni delle armature avvengono per sovrapposizione o con manicotto filetta-
to. Particolare attenzione si deve osservare nelle rastremazioni di sezione tra i pia-
ni del fabbricato. In tali casi è buona norma disporre le armature come indicato nel-
la Fig. D.5.6./1. Qualora si preferisca la disposizione indicata nella Fig. D.5.6./2 si
dovrà procedere al calcolo della sezione della staffatura di rinforzo posta a estra-
dosso del solaio.

FIG. D.5.6./1 PARTICOLARE DELLE ARMATURE IN CORRISPONDENZA DI UNA
RIDUZIONE DELLA SEZIONE DEL PILASTRO – SOLUZIONE CON
BARRE PIEGATE

FIG. D.5.6./2 PARTICOLARE DELLE ARMATURE IN CORRISPONDENZA DI UNA
RIDUZIONE DELLA SEZIONE DEL PILASTRO – SOLUZIONE CON
BARRE PIEGATE

"#$%"
��
����������� �

��
��������� ����� ��������

��
��������� ��������������

�����




�����

�����
��
��������� ��������������

��
��������� ����� ��������

�����
�����

Page 1342

G 120

URBANISTICA • MOBILITÀG.6.
3. NODI DI SCAMBIO E INFRASTRUTTURE PER LO STAZIONAMENTO

➦ AUTOSTAZIONI

PROGETTAZIONE DELL’IMPIANTO

Gli schemi distributivi che rappresentano planimetrica-
mente i vari componenti dell’impianto e dei movimenti
che in esso avvengono, discendono dallo schema ge-
nerale, adattato alle diverse forme del sito di progetto
(Fig. G.6.3./44).
Il piazzale è il luogo dove interagiscono i flussi passeg-
geri e veicoli e costituisce l’elemento essenziale dell’im-
pianto. Gli elementi costitutivi di un piazzale sono:
• le corsie per la circolazione e la manovra dei veicoli;
• i marciapiedi per la salita, la discesa e la circolazione

dei passeggeri.

Per evitare condizioni di pericolo e per favorire la rego-
larità del servizio, occorre distinguere ed evidenziare,
anche con apposita segnaletica, gli spazi destinati alla
circolazione vera e propria dei veicoli, dagli spazi per
permettere l’entrata e uscita negli stalli dei marciapiedi.
La circolazione delle vetture deve preferibilmente
avvenire a senso unico, senza l’utilizzo della retromar-
cia nelle manovre di svolta e nelle inversioni, cosa che
può essere garantita progettando opportunamente gli
spazi di manovra in base alla fascia di ingombro del
veicolo più penalizzante.
Nei tratti rettilinei, assumendo un franco di 0,50 m per
lato e considerando per il veicolo la sagoma trasversale
limite di 2,50 m, occorre garantire uno spazio di marcia
di almeno 3,50 m.
In qualsiasi caso è bene aumentare la larghezza delle
corsie il più possibile specialmente se al bordo della cor-
sia vi sono ostacoli che possono condizionare la marcia
del veicolo.
I marciapiedi rappresentano gli spazi in cui avviene l’in-
terazione tra sistema veicolo e sistema passeggero;
pertanto essi devono essere studiati per permettere un’ef-
ficace sosta, circolazione e interscambio in condizioni di
sicurezza dei due sistemi.
I marciapiedi possono essere specializzati per le parten-
ze o gli arrivi o consentire entrambi (servizio promiscuo);
in questo caso gli arrivi e le partenze avvengono contem-
poraneamente o sfalsati.
Il marciapiede comprende una zona destinata alla sosta
dei veicoli (stallo) e una zona destinata all’attesa delle
persone (marciapiede propriamente detto o banchina).
Inoltre fanno parte del marciapiede lo spazio per consen-
tire la manovra di ingresso e di uscita dallo stallo che, come
detto, va distinto dalla corsia di marcia e le eventuali
corsie riservate ai flussi pedonali in ingresso o in uscita.
I marciapiedi vanno determinati in numero, dimensioni
e disposizione in funzione del servizio, della domanda,
della configurazione planimetrica del piazzale.
Per determinare la disposizione e le dimensioni del mar-
ciapiede occorre considerare da un lato le caratteristi-
che geometriche e cinematiche dei veicoli, dall’altro l’en-
tità e il comportamento del flusso pedonale.

FIG. G.6.3./44 SCHEMI DISTRIBUTIVI DELLE AUTOSTAZIONI

Schema con edificio al centroSchema con edificio al centro
del piazzale e circolazionedel piazzale e circolazione a
"circuito completo""circuito completo".

Schema A Schema A

Schema con edificio ai latiSchema con edificio ai lati
del piazzaledel piazzale e circolazione ae circolazione a
"circuito semicompleto""circuito semicompleto".

Schema B Schema B

A

A/PA/P

P

Schema con edificio a contattoSchema con edificio a contatto frontalefrontale
con il lato corto delcon il lato corto del piazzale senzapiazzale senza
intersezione tra leintersezione tra le circolazioni deicircolazioni dei
pedoni e dei veicolipedoni e dei veicoli (con marciapiedi(con marciapiedi
separati)separati).

Schema E Schema E

P A

Schema con edificio a contattoSchema con edificio a contatto frontalefrontale
con il lato corto delcon il lato corto del piazzale senzapiazzale senza
intersezione tra leintersezione tra le circolazioni dei pedonicircolazioni dei pedoni
e dei veicolie dei veicoli (con marciapiede unico)(con marciapiede unico).

Schema FSchema F

P A

A: Arrivi P: PartenzeA: Arrivi P: Partenze
MarciapiediMarciapiedi

Edificio viaggiatoriEdificio viaggiatoriCircolazione veicoliCircolazione veicoli

Circolazione passeggeriCircolazione passeggeri

Schema con edificio a contattoSchema con edificio a contatto frontalefrontale
con il lato lungo delcon il lato lungo del piazzale senzapiazzale senza
intersezione tra leintersezione tra le circolazioni deicircolazioni dei
pedoni e dei veicolipedoni e dei veicoli.

Schema DSchema D

P A

Schema con edificio laterale eSchema con edificio laterale e
circolazione dei pedoni e deicircolazione dei pedoni e dei
veicoliveicoli intersecantesiintersecantesi.

Schema C Schema C

P/AP/A

Page 1343

URBANISTICA • MOBILITÀ

G 121

C.
ESERC

IZIO

PROFE
SSION

ALE

D.
PROG

ETTAZ
IONE

STRUT
TURAL

E

E.
CONTR

OLLO

AMBIE
NTALE

F.
MATER

IALI,

COMP
ONEN

TI, TEC
NICHE

A.
NOZIO

NI

GENER
ALI DI

PROG
ETTAZ

IONE

G.
URBAN

ISTICA

B.
PREST

AZION
I DEGL

I

ORGA
NISMI

EDILIZ
I

G.6.
3.

G.6.3
.

NODI
DI SCA

MBIO

E INFR
ASTRU

TTURE
PER

LO STA
ZIONA

MENTO

G.1.
ELEME

NTI CO
NOSC

ITIVI

E RAP
PRESE

NTATI
VI

G.2.
REALT

À URB
ANA

G.3.
REALT

À

TERRIT
ORIAL

E

G.4.
NORM

E E VIN
COLI

G.5.
GUIDA

ALLA

PIANIF
ICAZIO

NE

G.6.
MOBIL

ITÀ

NODI DI SCAMBIO E INFRASTRUTTURE PER LO STAZIONAMENTO

5,005,005,005,00 12,0012,00

2
,0

0
2

,0
0

7
,0

0
7

,0
0

9
,0

0
9

,0
0

4,004,004,004,00 12,0012,00

1
2

,0
0

1
2

,0
0

4
,0

0
4

,0
0

2
,0

0
2

,0
0

6
,0

0
6

,0
0

MARCIAPIEDE RETTILINEOMARCIAPIEDE RETTILINEO

Permette lPermette l’utilizzo di tutte le porte del veicolo, utilizzo di tutte le porte del veicolo,
ma comporta manovre di ingresso e di uscita ma comporta manovre di ingresso e di uscita
pipiù complicate. complicate.
Inoltre, richiede un notevole spazio inInoltre, richiede un notevole spazio in
lunghezza.lunghezza.

MARCIAPIEDE A GRADINI SCALATIMARCIAPIEDE A GRADINI SCALATI

Permette di usare tutte le porte e nelPermette di usare tutte le porte e nel
contempocontempo facilita le manovre. Richiede unfacilita le manovre. Richiede una
area notevole.area notevole.

6060°
O

A

3030°
C

B

3
,5

0
3
,5

0

1
4
,8

0
1
4
,8

0

2
,0

0
2
,0

0
9
,3

0
9
,3

0

MARCIAPIEDE A DENTIMARCIAPIEDE A DENTI

Consente lConsente l’uso della porta anteriore eduso della porta anteriore ed
eventualmente centrale. Rappresenta uneventualmente centrale. Rappresenta un
compromesso tra lo spazio occupato e lacompromesso tra lo spazio occupato e la
difficoltdifficoltà di manovra a = 30 di manovra a = 30°, 45, 45°, 60, 60°.

O

3,003,00 3,003,00

2
6

,2
0

2
6

,2
0

1
2

,0
0

1
2

,0
0

2
,0

0
2
,0

0
1

2
,2

0
1

2
,2

0

6
,0

0
6
,0

0

MARCIAPIEDE A PETTINE MARCIAPIEDE A PETTINE

Rappresenta lRappresenta l’unico marciapiede bidirezionaleunico marciapiede bidirezionale
e cioe cioè accessibile da veicoli provenienti da accessibile da veicoli provenienti da
entrambi le direzioni. Ha il minimo ingombro inentrambi le direzioni. Ha il minimo ingombro in
lunghezza e il massimo in larghezza.lunghezza e il massimo in larghezza.

Per il dimensionamento della banchina può conside-
rarsi un ingombro statico di 3 persone a mq e una
capacità oraria di deflusso pedonale per una sezione
di un metro di 5.000 persone (ottenuta ipotizzando
una velocità pedonale di 5 km/h e una distanza tra
pedoni di 1 m).

Nel caso di marciapiedi di partenza l’area da riservare
alla sosta delle persone sarà data dal numero di posti
a disposizione sul veicolo, diviso l’ingombro statico.

Nel caso di marciapiedi di arrivo occorre dimensio-
nare la larghezza della corsia di deflusso sulla base
della seguente espressione:

Lc (in metri) = ap • co • as / dp

dove
ap = arrivi nell’ora di punta;
co = coefficiente di occupazione nell’ora di punta

(persone/veicolo);
as = numero di arrivi più probabile durante l’ora di

punta, in un intervallo di tempo pari al tempo
medio di servizio;

dp = capacità oraria di deflusso pedonale di una corsia
larga 1 m.

Per quanto riguarda la disposizione degli stalli le tipo-
logie più frequenti sono illustrate nella Fig. G.6.3./45.
L’edificio passeggeri deve prevedere i servizi essenziali
ed eventualmente accessori opportunamente dimensio-
nati sulla base del traffico previsto.
L’elemento centrale è la zona di atrio-attesa che viene
calcolata tenendo conto dei passeggeri in partenza e in
arrivo e dei rispettivi accompagnatori, nonché delle per-
sone che si recano nell’autostazione per usufruire dei
servizi offerti.
È opportuno assumere un coefficiente di occupazione
del suolo più basso (1 persona/mq) di quello assunto
per il dimensionamento dei marciapiedi, in quanto occor-
re garantire un comfort maggiore.
In sede di progetto di massima degli edifici di servizio
per i veicoli si deve essenzialmente stabilire le ubica-
zioni dei fabbricati, le loro reciproche posizioni (nel caso
di unità separate), la capacità necessaria e di conse-
guenza le aree da impegnare, per le diverse unità ope-
rative da prevedere, che sono:
• la rimessa e il parcheggio;
• gli impianti per la pulizia;
• la stazione di rifornimento carburante;
• l’officina per la manutenzione ordinaria.

FIG. G.6.3./45 CARATTERISTICHE GEOMETRICHE DEI MARCIAPIEDI
Il numero dei marciapiedi può ricavarsi sulla base del
movimento dei veicoli nell’ora di punta, della distribu-
zione degli arrivi e partenze, della durata delle opera-
zioni di salita e discesa da bordo.

Ad esempio nel caso di marciapiedi specializzati per
la partenza, ipotizzando un servizio con un numero np
di partenze nell’ora di punta, con un tempo di sosta ts
(in minuti), il numero di marciapiedi sarà pari all’intero
superiore del rapporto (np • ts / 60).

Nel caso di marciapiedi di specializzati per gli arrivi è
più opportuno simulare la distribuzione effettiva degli
arrivi, che può essere anche sensibilmente differente
da quella prevista dall’orario, specialmente in ambito
urbano e in condizioni di congestione della circolazione.

Nel caso di marciapiedi promiscui una formula empi-
rica utilizzabile pone il numero dei marciapiedi pari a
N = 1 + an / b,

dove
n = è il numero delle partenze giornaliere,
a = è un coefficiente (0,03 nel caso di stazioni termi-

nali extraurbane e 0,01 per stazioni di transito),
b = rappresenta il rendimento del sistema, che può

porsi pari a 0,5.

Similer Documents